Consigli | CittÓ  | Musei | Storia | Alpi Orobie | Prealpi | Parchi | Fauna | Val Chiavenna | Valmasino

Valmalenco | Retiche | Ortles Cevedale | Alta Valle | Itinerari | Prodotti Tipici | Gastronomia | Sagre

Alpi Orobie

 

   

Per raggiungere il bivacco si sale, dal centro di Albosaggia, a san Salvatore (la strada, segnalata, parte poco distante dal municipio e dal famoso castello Paribelli, dove si trova una delle pi¨ belle stue - stanza foderata in legno - della Valtellina).
Poco prima della bellissima chiesetta (una delle pi¨ antiche della Valtellina, VI sec.) e del rifugio Saffratti, una strada sterrata risale tutto l'alpeggio, raggiungendone la parte terminale (localitÓ alla Ca', m. 1516). Qui un cartello indica la partenza di un sentiero, ben segnalato, che sale in un bellissimo bosco di larici, fino a sbucare in un'ampia radura, alla sommitÓ della quale si trova un secondo cartello, in corrispondenza di un bivio.
Proseguendo diritti si raggiunge il bellissimo lago della Casera e, poco sopra, il rifugio Baita Lago della Casera. Piegando a destra, invece, si imbocca il sentiero pianeggiante che segue il canale di gronda della Sondel e, dopo una decina di minuti, si arriva al bivacco, posto a sinistra, poco sopra la strada.
Si tenga presente che il sentiero imboccato conduce, dopo un lungo tracciato che attraversa anche alcune gallerie (munirsi, se lo si vuole percorrere, di torcia), al rifugio Caprari. Il rifugio-bivacco Baita Calchera Ŕ sempre aperto e costituisce un ottimo punto di appoggio per una pausa bucolica o forzata in una escursione.

Tempo di percorrenza: un'ora e un quarto; dislivello: 520 metri.

 

- al rifugio Caprari (m. 2130), percorrendo una lunga traversata nella costa medio alta della valle del Livrio (lato destro idrografico), su un sentiero che segue il canale di gronda della Sondel (attenzione: bisogna attraversare qualche galleria ed in un caso occorre una torcia). La traversata comporta 300 metri di dislivello e richiede circa un'ora;
- al vicino rifugio Lago della Casera, tornando al bivio sopra descritto, salendo al lago della Casera e di qui, con un'ulteriore breve salita verso sinistra, al rifugio;
- all'alpe Camp CervŔ, posta poco sopra il bivacco, sfruttando una traccia di sentiero che parte dal suo lato meridionale e, risalita un'ampia e bellissima radura con qualche larice solitario, raggiunge, la piana e le baite dell'alpe (m. 1954, vedi foto). Il dislivello Ŕ di 124 metri e la salita richiede una ventina di minuti.

- al pizzo Campaggio (m. 2502). Dal bivacco, o dall'alpe Camp CervŔ, sfruttando una comoda strada sterrata, si compie la traversata in direzione del rifugio Baita lago della Casera; raggiunto il pianoro della casera, sale verso il crinale, raggiungendo la sommitÓ di un dosso dove si trova una traccia di sentiero che conduce ai piedi della cresta collocata fra i pizzi Meriggio e Campaggio. Si sale quindi sulla cresta, puntando ad una bocchetta sulla quale si trova un grande masso a forma di gerlo (campacc, in dialetto; da qui la denominazione del pizzo). Dalla bocchetta, prestando molta attenzione, si sale alla vetta, in direzione sud-ovest. Il dislivello Ŕ di 672 metri, ed il tempo necessario Ŕ di circa due ore.