Consigli | Citt  | Musei | Storia | Alpi Orobie | Prealpi | Parchi | Fauna | Val Chiavenna | Valmasino

Valmalenco | Retiche | Ortles Cevedale | Alta Valle | Itinerari | Prodotti Tipici | Gastronomia | Sagre

Alpi Orobie

 

   

Il rifugio Val Brandet si trova in provincia di Brescia, nell'omonima valle, pi precisamente all'inizio di un bosco di conifere la cui zona anche chiamata "Fontana Mora", per via di una sorgente d'acqua che si trova nei pressi.
Questa struttura raggiungibile senza un eccessivo sforzo per tutti gli amanti della montagna. Proveniendo dall'Aprica, dopo circa 5 Km e a circa 2 km da paese di Corteno Golgi si giunge, lungo la statale, ad una localit chiamata "Campagnola", presso la quale si svolta a destra e ci si avventura nella Val Brandet. Dopo soli 3 km si approda all'abitato di S.Antonio (m.1127), ove possibile parcheggiare; non infatti possibile proseguire oltre con autovetture a causa del divieto assoluto al traffico (siamo nel cuore della Riserva Naturale delle Valli di S. Antonio, istituita nel 1983).
Da qui si prosegue quindi a piedi, passando tra le baite dell'abitato di S.Antonio e guadagnando successivamente quota grazie ad una ripida strada in pav lunga alcune centinaia di metri, che diventa poi una strada sterrata immersa tra pascoli e boschi. Dopo circa mezz'ora dal parcheggio, con soli 200 metri di dislivello si al rifugio, una recente costruzione che mantiene comunque le sembianze delle vecchie baite montane.
Proseguendo, ad una quindicina di minuti dal rifugio possibile sostare per un rilassante pic-nic presso il "Ponte della Gallina" (m.1387); ed aggiungendo un tempo analogo si raggiunge la Malga Casazza (m.1474), base per escursioni pi faticose. E' possibile inoltre praticare la pesca lungo le acque del torrente che scorre accanto al nostro tragitto, oppure andare per funghi (in ambo i casi occorre munirsi di permessi, da procurarsi presso Comune, Pro Loco o strutture Pubbliche autorizzate a rilasciarli). La parte medio-alta della valle e' inserita nell'Azienda Faunistica della Val Belviso - Barbellino e ci significa che durante le escursioni non e' difficile imbattersi in qualche esemplare di capriolo o, pi in quota, di camoscio.