Consigli | Citt  | Musei | Storia | Alpi Orobie | Prealpi | Parchi | Fauna | Val Chiavenna | Valmasino

Valmalenco | Retiche | Ortles Cevedale | Alta Valle | Itinerari | Prodotti Tipici | Gastronomia | Sagre

Alpi Orobie

 

   
Il rifugio C San Marco pu essere raggiunto in auto seguendo la strada che da Morbegno, passando per Albaredo, sale fino al Passo San Marco (circa 27 km) e scende poi per la valle bergamasca. E consigliata per anche una gita a piedi da Albaredo, seguendo la via Priula, la strada Transorobica che fu fatta costruire 400 anni fa dalla Repubblica di Venezia per collegare il versante valtellinese con quello bergamasco, per migliorare le sue vie commerciali. E un tracciato ricco di fascino, che permette di raggiungere il rifugio in circa 4 ore. Bisogna per dire che in alcuni punti, sul latoorobico, l'attuale carrozzabile si sovrapposta al vecchio percorso.
Da Albaredo (m. 915): Segnavia 11. Al termine della via San Marco, oltepassata la provinciale, troviamo la mulattiera che risale il versante prativo, passando accanto ad alcune baite. Poi diviene sterrata e, dopo aver riattraversato la provinciale, prosegue verso un posto di ristoro e da qui in piano fino alla chiesa della Madonna delle Grazie (m. 1155). Oltre la chiesa, una sterrata conduce in discesa verso il fondo della Val Pedena, poi, superato un torrente, risale alle case di Dosso Chierico (m. 1238). Sempre nel bosco, parallelamente alla provinciale ma pi in basso, il sentiero risale la valle del Bitto fino a giungere nella conca della Val D'Orta, ove termina l'abetaia. Proseguendo in salita, lasciata a sinistra la casera d'Orta Vaga (m.1700) e seguendo il tracciato dell'elettrodotto, arriva fino alla testata della valle, che rimonta tra pascoli e pietraie, fino a giungere al passo (m. 1991). Occorre ora divallare nel versante bergamasco per un centinaio di metri, prima di giungere alla Ca' San Marco e successivamente al nuovo rifugio.
Da Mezzoldo (m. 900): Segnavia 114. A Mezzoldo potremmo iniziare la nostra camminata gi all'inizio del paese, dove troviamo il selciato della Priula sulla sinistra, nei pressi del cimitero. Decidiamo per di risparmiarci un po' di fatica e di arrivare in auto fino in centro. Qui giunti, dopo aver parcheggiato, prendiamo sulla sinistra, in salita, la via Bonandrini, che ci conduce al ristorante Balicco, ove incontriamo il nostro percorso. Poco dopo, giunti ad un crocefisso, attraversiamo la provinciale e risaliamo verso monte, in un bosco di pecci. Pi avanti, un tratto incassato nella valle ci obbliga a seguire l'asfalto per circa un chilometro. Quando la strada si avvicina al fiume, riprendiamo il percorso sulla sinistra e, salendo nel bosco, arriviamo al ponte Contagocce, dove attraversiamo il Brembo. Una ripida rampa ci conduce fino alla diga che chiude il bacino di Ponte dell'Acqua (m. 1272). Tornati sulla carrozzabile, oltrepassiamo l'omonimo abitato e poi, sulla sinistra, imbocchiamo l'antico tracciato che conduce al ristorante Rossi e quindi entra nel bosco. Proseguendo in salita, oltre la pecceta, raggiungiamo i prati dell'Alpe Arcogno, ove troviamo una casera (m. 1657) e pi avanti un'altra (m. 1757). A questo punto ci ricongiungiamo alla provinciale nei pressi di un tornante. Seguiamo ora il crinale, tra la Valle di Mezzoldo e la Val Mora, in un tratto in cui il selciato ancora ben conservato, ed arriviamo al tornante ove sorge il nuovo rifugio. Esso, solido e fabbricato in pietra, stato per anni la casa cantoniera del Passo S.Marco e pu vantarsi di essere uno dei pi antichi rifugi presenti sulle montagne d'Europa essendo stato edificato nel 1593.