Consigli | CittÓ  | Musei | Storia | Alpi Orobie | Prealpi | Parchi | Fauna | Val Chiavenna | Valmasino

Valmalenco | Retiche | Ortles Cevedale | Alta Valle | Itinerari | Prodotti Tipici | Gastronomia | Sagre

Ortles Cevedale

 

   

Il bivacco Ŕ situato sulla cresta Sud-Ovest del Monte TresÚro, a 200 metri di dislivello dalla cima.
Il bivacco, nel tentativo di sostituire la funzione del vecchio rifugio Bernasconi (che era situato ai piedi della vedretta Ovest di Tresero) Ŕ considerato un'ottima base in vista della prima giornata della "traversata delle 13 cime" che coronano la zona compresa tra il Monte Tresero e il Monte Cevedale (in particolare esse sono: Tresero, Pedranzini, Doseg¨, San Matteo, Giumela, Cadini, S.Caterina, Peio, Taviela, Vioz, Palon de la Mare, Rosole, Cevedale. Tutte sopra i 3400 metri di quota). In effetti, essendo questa zona molto frequentata dagli alpinisti, soprattutto nella stagione estiva, Ŕ probabile che ci si trovi in troppi dentro al bivacco.
Per accedervi si parcheggia l'automobile al rifugio Berni che sorge proprio dove comincia il lungo pianoro del Passo Gavia. Attraversata la statale si scende alcuni metri procedendo verso Est e superando su di un ponte il Torrente Gavia. Appena al di lÓ di esso sorge il vecchio rifugio Berni, importante risulta lasciarlo alla nostra destra e prendere il sentiero 25 che corre palesemente puntando a Nord, verso valle per comprenderci. Pochi passi ed ecco che si biforca tra 25 e 25A, importante a questo punto tenere il 25 per la via di destra ed andare in lieve discesa ad aggirare il costone che sbarra la visuale verso il Vallone di Doseg¨. Ad un certo punto ci troviamo a poca distanza aerea dal fondovalle ma notiamo scorrere impietoso sotto di noi il Rio Doseg¨, carico dell'acqua di fusione del ghiacciaio omonimo. Provvidenziale risulta a questo punto il recente Ponte dell'Amicizia (vedi foto) che ci permette di attraversare il versante della valle e di incontrare le bandiere rosso-bianco-rosso (vedi foto) con al centro il segnavia 41 che da ora in poi ci guiderÓ praticamente sino al bivacco. Per chi non scorgesse il segnavia Ŕ bene sapere che la direzione esatta appena superato il ponte Ŕ quella verso destra. Fino ad ora la fatica Ŕ stata poca quindi ecco un ripido sentiero che ci fa guadagnare ben presto i metri persi nella precedente discesa: tra ghiaioni e panorami immensi ci troviamo ad una terrazza che guarda diritta verso Nord-Est il tormentato ghiacciaio Doseg¨, con alle spalle la mole del San Matteo; completamente verso Sud ai intravede invece la Vedretta di Val Umbrina. Poi, su sfasciumi e detriti, talvolta su morene e chiazze di neve primaverile, giungiamo in un ampio catino glaciale ancora selvaggio completamente innevato. Il ripido pendio che segue, conduce direttamente alla vedretta che proviene dalla vetta del Tresero, consigliabile a questo punto legarsi e mettere i ramponi intraprendendo un ghiacciaio d'alta quota e perenne, seppur minore rispetto ad altri, per questo da non sottovalutare. Chi invece preferisse procedere sulla cresta (vedi foto) pu˛ mantenersi costantemente su di essa in direzione Nord-Est anch'essa, praticamente pi¨ in alto ma parallela alla traccia degli alpinisti che scelgono il ghiacciaio. Giungiamo in ogni caso in breve al bivacco, appostato a 200 metri circa dalla vetta del Tresero. La cresta, o la restante parte di ghiacciaio, ci dividono dalla luccicante croce di vetta a m.3594.
Tempo di percorrenza 3 ore circa; dislivello di 900 metri.