SCRIVICI    USD    Atletica    Calcio    Ciclismo    Pallacanestro    Pallavolo

 

O Derviees...

 

 O Derviees
    A chi l’ in man
    El nost paees ?!
Derf, paes disgrazia,
    Manegia dai asasin
    Dai brou-brou e dai cretin
    Dapertut disonora
Gh’ nessuna polizia
    Imbrata i mur de ca,
    I contrad che fan piet
    Un paes come si sia.
N gh’ moeul, n gh’ pontil,
    N sacristia, n reloc,
    Rot i strad e scur de nocc,
    A gh’ gnanca un Asil
Necessari, car Signour,
    Disi minga pei fieu,
    Che i ns bravi al di d’incoeu,
    Ma pei nost Ministradour.
Guera ai pret, dotour, coma,
    Voeuren pu gna ‘l Maestrin
    Per pagura sti cretin
    De avegh’ fieu duca
Al dotour gh’hin dre rabia
    Perch ‘l maza poca gent;
    Se gh’ no parturient
    Gh’han de di de la coma.
Anche ‘l noster spezie,
    Che ‘l voer no soministr
    Medesin de fa crepa,
    Il le voeren foeu di pe.
Pel boun orden gh’ comand
    Che se def las gir,
    Su e gi con libert,
    D’ogni sorta de peland.
D sta vert i oster
    Tuta nocc a fa bal
    E d’andn a bacan
    Tutt i nocc pei noster vi.
E magari de ciapss
    Tra de lour i giovinott
    E poeu d che l’ nagott
    Anca ben ch’i se mazss.
Che se deva rispeta
    I ciuoche e i malfatour;
    E i person puse d’onour
    S’abien pur de fa scapa.
Quan infati el nost prevost

    L’ha metun in del Guanela
    ‘na famusa pelandela
    Han tenta de toeug el post.

A se n’ ved de ogna sort;
    Proibi, l’ ‘n fatto vero,
    De andn al Cimitero
    A preg pei nost por mort.
Proibi ai funeraj
    L’intervent di Confratei,
    Di tosan, di Consorej
    E perfin di nost bagaj.
Proibi, ghe n’ amm ?
    Proibi i processioun
    E ogni sorta de funzioun
    E poeu ‘l rest disemol no.

 

Por paes, a chi l’ in man ?
    A Bicocch, tich-tech, cisoeu,
    Codegh, crep, ronch, petuleeu,
    E a ‘n postribol de putn!
Cef de lader, d’impica.
    Mus de can e crap pela,
    Orecc d’asen, gent malfa
    Con di oeucc de gat copa;
Certi sagom, certi facc
    Che somejen qui di boeu,
    Qui de vacch o i so fioeu,
    Qui di best i pu selvacc.
Acidento, che ‘nimaj,
    Che gh’hem chi nel nost Comun !
    Ma a pensa che sem sta nun
    Col nost vout a nominaj
Quasi quasi gh’han resoun
    De vegnim coi p adss,
    E dim che sem baloss
    Quan invece sem cojoun,
E magari che i porscej
    Hin no lour e invece num
    E che in punto a boun costum
    Hin lour soj i ver modej;
Quand tucc veden e tucc san
    Ch’hin sta lour coi so impress
    Ch’han conscia el nost paes
    Pien de lader e de putan.

 

Guarda l qui du pel:
    Hin i cap di nost bordej
    Vun e l’olter du porscej
    Che compagn ghe n’ mai sta.

Vun el gh’ha un testament
    Con du oeucc de can rabious

    Con un mus insc pelous
    Che a vedl el fa spavent

Una ghigna de patibol !
    Ma se sa che ‘l animalucio
    L’ fioeu d’un certo Ciucio
    Un avanzo de postribol.
El se da un’importanza
    Come ‘l fuss un gran talent,
    E difati l’ ‘n portent
    Un fenomen d’ignoranza.
Dove l’ sto so talent?
    La patenda del meste
    L’ha comprada coi dane;
    Da per lu ‘l sa fa nient:
L’ha de cour de scia de l
    A fas fa i so strument,
    Fina tant che i so client
    I se met a sospet.
Cos che effettivament
    El po no in certo qual modo
    Vor d: no ghe n’impodo
    Se imbroij tanta gent.
Perch quand un por Nodal
    El sa no la profession
    El po ‘nd a sciusci bugnoun
    In servizij all’Ospedal.
Ma pur si ghe l’ha ‘l talent
    de sav fa l’impostour
    con i pret e col Signour
    E ingan la bona gent.
L’Arcivescov de Milan
    Quand l’ha vist st’orangotan
    In ginoeucc basagh la man,
    Ah, l’ha dit, che boun cristian !
Per dach studi a vun di soeu,
    L’se fa d dal Count Sorman
    Tutt a forza de ingn
    La pension di por fieu.
L’ avar compagn de Giuda
    Come ‘l Paroch de Coren
    Che el vend perfina i pen
    Di usei che ‘l gh’ha de muda.
[E anca ben che ‘l sia prevet
     L’ pap de du fieu
     Che lu ‘l diss ch’ in minga soeu
     Per no vegh com lour di debet
 Intant sti du bagaj
     Van intorno tutt strasci
     A cerc la carit
     Ma nessun i voeur jutaj
 Che la gent maligna e furba

    I ghe diss: and a Coren
    Che coi strunz e cont i pen

    L’ve mantegh el vost p Turba.]

Basta d che st Giud
    Per no spend de quai dan
    Dre Comar e Spizi
    Gh’ crep an la so mi.
Anch’adess ch lu el gira
    A cerc de toeu mi
    L’ no quest el so pens
    Vergot oltro ‘l ga de mira.
Lu de donn ghe n’ha ass,
    Ghe n’ha tante chi adr
    Che ‘l servisen de mi,
    Quel che ‘l cerca hin dan.
O Luisa, vegn sci ti
    Se regordet? Cunta su
    Cosa l’ che te ved,
    Sa la f el to mar;
Quand l’andava a mont de nocc
    A trov la rizolin
    Con in man el lampedin
    E in sul nas i so quatr’occ.
E poeu quand el carezava
    La so cara Mantovana
    E ti invece, sto putana,
    El te ruzava e ‘l te picava.
Se ricordet, povera dona,
    quanti volt el to mar,
    Nel to lecc al post de ti
    ‘l gh’ava l una birbona ?
Quanti volt che te piangi
    Quand che lu per castigaj
    El ghe dava ai to bagaj
    Bot putan e pegn nel c ?
Ie sarava dent a scur
    El gh’ha fa pat la fam ?
    Che dolour per una mam
    Ved un pader insc dur.
Ghe n’ha insc de cunt su.
    Ma ghe vegn de magun
    La po gnanca pu parl
    L’ha pagura amm de lu.
I sentu, o Dervies ?
    ‘dess almen podi conoss
    A che razza de baloss
    A l’ in man el nost paes.

 

De quell’otro peladel
    Ocour de fa la storia
    Che lu stess el se ne gloria

    De vess lu el pegg porscel.

E defati lu ‘l descour
    Ch’ hin a so desposizioun
    Tucc i donn del nost Comun.
    Porca can che bel onour!
Ma se gh’ de quai tusan
    De quai donn ch’han no vergogna
    De cour dre a sta carogna,
    No hin olter che putan.
Lu ‘l se cred vergot de bel
    Perch ‘l gh’ha di bei guantit
    su tucc quater i sciampit;
    Ma l’ semper un porscel.

 

De porscel el gh’ha el mus
    De porscel el portament
    De porscel el sentiment
    De porscel perfin la vous.
Sentuf no come ‘l grugnis
    Quand l’incontra un quai por crist
    Che l’ minga in di so vest ?
    Se ‘l podess le morderis.
Una nocc al ciar de luna
    Ch’han voja un bel brental
    pien de merda in sui spal
    L’era l insem a vuna.
Poveretto, l’ calvin
    L’aria fregia ghe fa ma
    E lu quindi ‘l s’ incioda
    In sul co un baretin.
La disgrazia l’ha volu
    Che un d un bof de vent
    Gh’ha squata el testament
    L’era biot compa d’un cu.
Lu ghe piass a fa ‘l gingin
    Fa ‘l blagoeur, anda a spass,
    Vestis ben, fan da i ganass,
    Ma ‘l gh’ha minga asse quatrin.
E savii cosa ‘l fa ?
    L’ha tira el Codeghin
    A imprestagh el so borsin
    E in compens l’ha dichiara
Che ‘l se mett al so servizi
    Lu ‘l ghe fa de galopin
    De Arlechin, de damerin
    Semper pront ai so caprizi.
El ghe diss che lu per lu
    L’ el so servitorel
    pront magari, sto purscel,
    A lechegh el bus del cu.
Che ‘l fa minga per vantass,

    Ma in lavor de tafanari
    L’ ‘n ingegn straordinari
    Che compagn l’ha mo de nass.
E defatt sto porscel vaca
    Per met foeura i patafiat
    Contra i Toni e ‘l Formajat
    El dopera fin la caca.
El so pap el gh’ha resoun
    De digh dre che l’ un porcoun,
    Un schifous fanagotoun,
    Vizious e ‘n gran lizoun.
E l’ propri in realt
    un refund de societ
    ‘l disonour de la so ca
    ‘l crepacoeur del so p.
E per giunta sto bufoun
    El voeur di che se in paes
    Gh’ amm un omm de pes
    L’ lu quel: el gh’ha resoun.
Come d che senza lu
    Se ‘l fuss no che lu ‘l lavora
    El paes el va in malora
    E de ben no ghe n’ pu.
I so soci verament
    Quan i veden che l’ sci
    Sto factotum de citt
    Ghe fan tutt i compliment.
El gh’ha insomma el bicochin
    Tucc i bei abilit
    I virt, i qualit
    Del so meter Codeghin.
E guarde combinazioun
    Tucc e du i gh’ha i so mamin
    Ch’hin magari do cretin
    Ma hin pien de religioun.
Lour in ca gh’han l’altarin
    Dedica a Santa Bambina.
    Alla Messa la mattina
    Manchen mai i do sciourin.
E coi so divozioun
    Colla sua gran piet
    Gh’han vu el merit de raz
    De sto sorta de porcoun.

 

Per fas mett consiglir
    Un por stupid imbecil
    L'ha promiss de fa 'l pontil
    E fa bev di boun bicr.
Quater mes l'ha seguita
    Tucc i d a pag disn
    A tucc quj che dev vot

    Fin a che l'han nomina
E l'han mis in del Comun
    Come 'n om de gan rispett
    Anca ben che l' interdett
    N 'l da cunt di so azioun.
Ma 'l pontill? - o i me car ciol,
    Si specie ve 'l meta gi,
    Lu 'l respound che l l' no
    Responsabil di so parol.
E l' vera, l' un fat
    che 'l gh'ha l 'n certifica
    In sul qual l' dichiara
    Che l' un pover mentecat.
Poeu l'han miss anch'in di scoeul
    Lu 'l credeva sto somar
    De ves l coi nost scolar
    Come 'n mezz ai bestioeul.
Ma i fioeu nom a vedel
    Come semper lu ghe pias
    Col didin spazass el nas
    E majas el so margel,
A vedel con qui du oeucc
    De falchett, con qui orecc
    Che i par qui d'un asen vecc
    Con in co quel quatapioeuc;
A sentil poeu in la scoeura
    Quand el parla sto asnoun
    De sti nost ministrazioun
    Che sproposit el dis foeura;
I fioeu ch'in no tambour
    I l'han subit giudica
    Che 'l bestioeu e l' deta

    De vess noster Assessour.

 

A gh' pu de fas stupour:
    L'autour de quel disaster
    Sucedu in del teater
    Quela nocc ai vundes our
(Come 'l dis el monument
    Che gh' dent nel Cimitero
    Do' gh' su tutt per intero
    Descrivu l'avveniment;
Che hin sta precisament
    Tucc brusa in conseguenza
    dell'inconscia imprevidenza
    De quel Sindech prepotent).
Ch' sta Sindech quater mes
    E 'l diseva che 'l pedroun
    De la Gesa e del Comoun
    L'era lu e no 'l paes,
E in la so ministrazioun

    L' manca do mila franch
    Senza mai che dell'ammanch
    L'abia da 'na spiegazioun,
Che in America lu 'l sa
    I dane che 'l ghe gh'ha leva
    A quel soci ch' crepa
    Nel moment de torna a ca.
Che poeu 'dess n'ha fa asse
    Nel coleg che gh' a Vendrogn
    Che gh'han dit : el me car Togn
    Torna a fa 'l materasse.
Anche questo, sissignour,
    L'han accolt con gran onour
    L'han metu Conciliatour
    E poeu dopo anche Assessour.
Mi scometti, son sincer,
    Se 'l ne fess amm 'n disaster,
    Num me disen gnanc'un pater,

    Li ‘l nominen Cavaglier.

 

Ma el pegg al d d'incoeu
    L' vegh Sindech quel talent
    Che 'l ghe ruva solament
    A fa carta e fa fioeu.
Per no di l'abilit
    De fa pouf e mai pagai
    E' ve' poi d'impotecai
    Sui fioeu e soura i c.
Che per gh'hem semper vu
    Per nost Sindech certa gent
    Che 'l so merit verament
    L' fai cour a pegn nel cu.
El par fina un destin
    Che ghe sia mai nussun
    De fa Sindech in Comun
    Foeura che de sti cretin
A l' minga per nagot
    Che i noster contadit
    Ciamen Sindech i asinit
    E i perteghen gi de bot.
A quest chi gh' gi riva
    Di rimprover maledet
    Dal lustrissem sciour Prefet
    Che 'l dovref 've renunzia
Ma lu invece 'l gh'ha de sta
    Per la semplice resoun
    Che gh' minga un imbroioun

    Peg de lu de cat sci

Gh' de quj che voeur cag
    Che l'han l sul bus del c,

    I se sforzen, poden p,
    Finalment la sbaten l.
Ma pei nost l' minga insc:
    Lour han semper de calc
    Senza mai pod cag
    E ghe toca de sta l.
L' chi 'mm el nost prevost
    El maester e 'l dotour
    E coma a dispet de lour
    Hin ch tutti al so post;
La coma a fa nass bagaj
    El prevost a batezaj
    E 'l maester a ducaj
    E 'l dotour a medegaj
E se l' per desfesciaj
    Gh' ch semper el Togn Porta
    Na toeu sci 'na bona scorta
    E 'l fa prest a sbrusataj.
St'ultim facc, o Dervies
    L' amm el migliour
    Che sti nost Ministradour
    Poden fa al nost paes.

 


 

 

O Derviesi

    A chi in mano

    Il nostro paese ?!

Dervio, paese disgraziato,

    Maneggiato dagli assassini

    Dagli imbroglioni e dai cretini

    Disonorato dovunque

Non c’ nessuna pulizia

    Imbrattati i muri delle case

    Le contrade che fan piet

    Un paese che fan cos.

Niente molo n pontile,

    N sacrestia n orologio,

    Le strade rotte e scure di notte,

    Non c’ manco un Asilo

Necessario, buon Dio,

    Non dico per i fanciulli,

    Che al giorno d’oggi nascono bravi

    Ma pei nostri Amministratori.

Guerra a preti, medico, ostetrica

    Non vogliono pi nemmeno le maestrine

    Pel timore questi cretini

    Di avere figli educati

Sono arrabbiati col dottore

    Perch accoppa poca gente,

    Se non ci sono partorienti

    Han da dire dell’ostetrica.

Anche il nostro farmacista

    Che non vuole somministrare

    Medicine da far crepare,

    Voglion che vada fuori dai piedi.

Riguardo all’ordine pubblico v’ disposizione

    Che si deve lasciar girare

    Liberamente,

    Ogni sorta di prostitute.

Di lasciar aperte le osterie

    Tutta la notte a far ballare

    E di andare a far baccanali

    Tutte le notti per le nostre vie.

E magari di accapigliarsi

    Tra di loro i giovanotti

    E poi dire che non fa niente

    Quand’anche si ammazzassero.

Che si debban rispettare

    Gli ubriaconi e i malfattori;

    E le persone pi d’onore

    S’abban pure da far scappare.

Quando infatti il nostro parroco

    Ha ricoverato al “Don Guanella”

    Una famosa puttanella

    Han tentato di togliergli il posto.

Se ne vedon d’ogni sorte;

    Proibito, un fatto vero,

    Di andare al Cimitero

    A pregar pei nostri morti.

Proibita ai funerali

    La partecipazione dei Confratelli,

    Delle ragazze, delle Consorelle

    E perfino dei nostri figlioli.

Proibito..., ce n’ ancora?

    Proibite le processioni

    E ogni sorta di funzioni

    E poi non diciamo il resto.

 

Povero paese, a chi in mano ?

    A furfanti, cialtroni, taglieggiatori,

    Cuticagne, crepe, tronchi, pettoloni

    E a un postribolo di puttane

Ceffi da ladro, da impiccato

    Musi di cane e zucche pelate,

    Orecchie d’asino, gente malsagomata

    Con degli occhi da gatto ammazzato;

Certe sagome, certe facce

    Che assomigliano a quelle dei buoi,

    A quelle delle vacche o dei loro figli,

    Quelle delle bestie pi selvagge.

Accipicchia, che animali,

    Che abbiam qui nel nostro Comune !

    Ma a pensare che siam stati noi

    Col nostro voto a nominarli

Quasi quasi hanno ragione

    Di calpestarci,

    E di dirci che siamo mascalzoni

    Quando invece siam coglioni,

E magari che i porcelli

    Non son loro e invece siam noi

    E che in quanto a buon costume

    Solo loro sono i veri modelli;

Quando tutti vedono e tutti sanno

    Che son stati loro con le loro imprese

    A conciare (cos) il nostro paese

    Pieno di ladri e di puttane.

   

Guarda l quei due calvi:

    Sono i capi dei nostri bordelli

    L’uno e l’altro due porcelli

    Che uguali non ce ne sono mai stati.

Uno ha un testone

    Con due occhi da cane rabbioso

    Con un muso cos peloso

    Che a vederlo fa spavento

Un ghigno da patibolo !

    Ma si sa che l’animaluccio

    E’ figlio di un certo Ciucio

    Un avanzo di postribolo.

Si d una importanza

    Come se fosse un gran talento,

    E di fatto un portento

    Un fenomeno di ignoranza.

Dov’ questo suo talento ?

    La licenza del suo lavoro

    L’ha comprata con i soldi;

    Da solo non sa fare nulla

Deve correre di qua e di l

    A farsi fare le sue pratiche

    Fino a tanto che i suoi clienti

    Si mettono a sospettare.

Sicch effettivamente

    Egli non pu in certo qual modo

    Voler dire: non colpa mia

    Se imbroglio tanta gente.

Perch quando un povero notaio

    Non conosce il suo mestiere

    Pu andare a schiacciar foruncoli

    In servizio all’Ospedale.

Ma pure ha il talento

    Di saper fare l’impostore

    Con i preti e col Signore

    E ingannare la brava gente.

L’Arcivescovo di Milano

    Quando ha visto ‘sto scimmione

    In ginocchio a baciargli la mano,

    Ah, ha detto, che buon cristiano !

Per mantenere agli studi uno dei suoi,

    S’ fatto dare dal Conte Soriani

    Tutta a forza di inganni

    La pensione dei poveretti.

E’ avaro come Giuda

    Come il Parroco di Corenno

    Che vende persino le penne

    Degli uccelli che tiene in muta.

[E con tutto che sia prete

    E’ pap di due figlioli

    Che lui dice che non sono suoi

    Per non avere debiti con loro

Intanto questi due figlioli

    Vanno in giro tutti stracciati

    A cercare l’elemosina

    Ma nessuno li vuole aiutare

Che la gente maligna e furba

    Dice loro: andate a Corenno

    Che con gli stronzi e con le penne

    Vi mantiene il vostro babbo Turba.]

Basta dire che questo Giudeo

    Per non spendere qualche soldo

    Presso Ostetrica e Farmacista

    Gli morta anche sua moglie.

Anche ora che lui gira

    A cercar di prender moglie

    Non questo il suo pensiero

    Qualcos’altro egli ha di mira.

Lui di donne ne ha abbastanza

    Ne ha tante in questa zona

    Che lo servon come mogli,

    Quello che cerca sono i soldi.

O Luisa vieni qua tu

    Ti ricordi? Racconta su

    Cos’ che tu hai visto

   Che ha fatto il tuo marito;

Quando andava ai monti di notte

    A trovare la ricciolina

    Con la lanterna in mano

    E sul naso i suoi occhiali.

E poi quando accarezzava

    La sua cara mantovana

    E te invece, sta puttana,

   Spintonava e picchiava.

Ti ricordi, povera donna,

    Quante volte tuo marito,

    Nel tuo letto al posto tuo

    Aveva l una birbona ?

Quante volte hai pianto

    Quando lui per castigarli

    Dava ai tuoi figlioli

    Botte puttane e calci in culo ?

Li rinchiudeva al buoi

    Gli ha fatto patire la fame ?

    Che dolore per una mamma

    Vedere un padre cos duro.

Ne ha cos da raccontare.

    Ma le vien da singhiozzare

    Non pu nemmeno pi parlare

    Ha paura ancor di lui.

Avete sentito, o Dervies ?

    Adesso almeno potete capire

    A che razza di furfanti

    E’ in mano il nostro paese.

 

Di quell’altro “pelatello”

    Occorre far la storia

    Che lui stesso se ne gloria

    D’esser lui il peggior porco.

E difatti lui dichiara

    Che sono a sua disposizione

    Tutte le donne del nostro Comune

    Porco cane che bel onore !

Ma se vi sono ragazze

    Donne che non han vergogna

    Di correre addietro a sta carogna,

    Non son altro che puttane.

Lui si crede qualcosa di bello

    Perch ha dei bei guantoni

    Su tutte e quattro le zampine

    Ma sempre un porcello.

 

Di porcello ha il muso

    Di porcello ha il portamento

    Di porcello ha il sentimento

    Di porcello persino la voce

Non sentite come grugnisce

    Quando incontra qualche povero cristo

    Che non nelle sue vesti ?

    Se potesse lo morderebbe.

Una notte al chiar di luna

    Gli han vuotato un bel brentale

    Pien di merda sulle spalle

    Era l assieme ad una.

Poveretto, pelatelo

    L’aria fredda gli fa male

    E quindi lui s’ inchiodato

    Sulla testa un berrettino.

Disgrazia ha voluto

    Che un d un colpo di vento

    Gli ha scoperto il testone

    Era nudo come un culo.

A lui piace fare il cicisbeo

    Fare il vanaglorioso, andare a spasso

    Vestirsi bene, far andare le ganasce

    Ma non ha quattrini abbastanza.

E sapete cosa ha fatto ?

    Ha convinto il Codeghin

    A prestargli il suo borsellino

    E in compenso ha dichiarato

Che si mette al suo servizio

    Lui gli fa da galoppino

    Da Arlecchino, da damerino

    Sempre pronto a soddisfare i suoi capricci.

Gli dice che per lui

    il suo servitorello

    Pronto magari, sto porcello

    A leccargli il buco del culo.

Che non fa per vantarsi,

    Ma in lavori anorettali

    un ingegno straordinario

    Che l’uguale deve ancora nascere.

E difatti sto porco vacca

    Per emanare gli sproloqui

    Contro i Toni e i Furmagiat

    Adopera persino la cacca.

Suo padre ha ragione

    Nel dirgli a dietro che un porcone,

    uno schifoso fannullone,

    vizioso e gran lazzarone.

Ed proprio in realt

    Uno scarto della societ

    Un disonore della sua casa

    Il crepacuore del suo pap.

Ed in pi questo buffone

    Sostiene che se in paese

    C’ ancora un uomo di peso (importante)

    lui quello: ha ragione.

Come dire che senza di lui

    Se non fosse che lui lavora

    Il paese va in malora

    E di bene non ce n' pi.

I suoi colleghi veramente

    Quando vedono che presente

    ‘sto factotum di citt

    gli fan tutti i complimenti.

Ha insomma il giusto intuito

    Tutte le belle abilit

    Le virt, le qualit

    Del suo mastre Codeghino.

E guardate combinazione

    Ambedue han le loro mammine

    Che son magari due cretine

    Ma son piene di religione.

Loro in casa han l’altarino

    Dedicato a Santa (Maria) Bambina.

    Alla Messa alla mattina

    Mancano mai le due signorelle.

E con le loro devozioni

    Con la loro gran piet

    Hanno avuto il merito di creare

    Questa sorta di porconi.

 

Per farsi eleggere consigliere

    Un povero stupido imbecille

    Ha promesso di fare il pontile

    E di far bere buoni bicchieri.

Per quattro mesi ha continuato

   Tutti i giorni a pagar pranzi

   A tutti quelli che han dovere di elettori

    Fino a che l’han nominato

E l’hanno messo nel Comune

    Come un uomo di gran rispetto

    Ancorch egli sia interdetto

    E non renda conto delle sue azioni.

Ma ..il pontile ?, o care le mie ciule

    Se aspettate che ve lo metta gi

    Lui risponde che lui non

    Responsabile delle sue parole.

Ed vero, un fatto

    Che ha l un certificato

    Sul quale dichiarato

    Che lui un povero mentecatto

Poi lo hanno messo anche nelle scuole

    Lui credeva sto somaro

    D’esser l coi nostri scolari

    Come in mezzo alle bestiole.

Ma i ragazzini solo a vederlo

    Come sempre gli piace

    Col mignolo spazzarsi il naso

    E mangiarsi il...ricavato,

A vederlo con quei due occhi

    Da falchetto, con quelle orecchie

    Che paion quelle di un asino vecchio

    Con in testa quel copripidocchi;

A sentirlo poi nella scuola

    Quando parla ‘sto asinone

    Delle nostre amministrazioni

    Che spropositi fa uscir di bocca;

I ragazzini che non sono bambi

    L’hanno subito giudicato

    Che il bestiolo adatto

    Ad essere nostro Assessore.

 

Non c’ pi da stupirsi:

    L’autore di quel disastro

    Avvenuto nel teatro

    Quella notte alle undici

(Come dice il monumento

    Che c’ dentro il cimitero

    Dove c’ tutto per intero

    Descritto l’avvenimento,

Che son stati precisamente

    Tutti bruciati in conseguenza

    Dell’incosciente imprevidenza

    Di quel Sindaco prepotente).

Che stato Sindaco quattro mesi

    E diceva che il padrone

    Della Chiesa e del Comune

    Era lui e non il paese,

E nella sua amministrazione

    Son mancate duemila lire

    Senza mai che dell’ammanco

    Abbia dato una spiegazione,

Che in America lui lo sa

    I danari che ci tolto

    (Son finiti) a quel compagno che morto

    Nel momento di tornare a casa.

Che poi adesso ne ha fatte abbastanza

    Nel collegio che c’ a Vendrogno

    Che gli han detto: mio caro Tonio

    Torna a fare il materassaio.

Anche questo, sissignori,

    L’hanno accolto con grande onore

    L’hanno fatto Conciliatore

    E poi dopo anche assessore.

Io scommetto, son sincero,

    Che se combinasse ancora un disastro,

    Non mi dicono nemmeno un pater,

    L lo nominano Cavaliere.

 

Ma la peggior cosa al giorno d’oggi

    d’aver Sindaco quel talento

    Che riesce soltanto

    A far carta e a far figli.

Per non dire l’abilit

    Di far debiti e mai pagarli

    E averli poi da ipotecarli

    Sui figli e sulle case.

Che per abbiamo sempre avuto

    Per nostri sindaci certa gente

    Che meritano veramente

    Di esser fatti correre a calci nel sedere

Pare persino che sia un destino

    Che non ci sia mai nessuno

    Da eleggere Sindaco in Comune

    All’infuori di questi cretini

Non per niente

    Che i nostri contadini

    Chiamano Sindaci gli asinelli

    E li martellano di legnate.

A questo son gi arrivati

    Dei maledetti rimproveri

    Dall’illustrissimo signor Prefetto

    Che dovrebbe essersi dimesso

Ma lui invece deve rimanere

    Per la semplice ragione

    Che non esiste un imbroglione

    Peggiore di lui da tirare qui

Ce ne sono che vogliono defecare

    Che l’hanno l allo sfintere anale,

    E si sforzano, a pi non posso,

    Finalmente la evacuano.

Ma per i nostri non cos.

    Loro debbono sempre spingere

    Senza mai poter evacuare

    E gli tocca di star l.

qui ancora il nostro parroco

    Il maestro e il dottore

    E l’ostetrica a dispetto di loro

    Son qua tutti al loro posto.

L’ostetrica a far nascere bambini

    Il parroco a battezzarli

    E il maestro ad educarli

    E il dottore a medicarli

E se per eliminarli

    C’ qui sempre Antonio Porta

    Ne prende qui un buon numero

    E fa presto a bruciacchiali.

Quest’ultimo fatto, o Derviesi

    ancora il migliore

    Che questi nostri Amministratori

    Possono fare al nostro paese.