SCRIVICI    USD    Alpini Dervio    A.N.A.    Battaglione Tirano    Brigata Alpina Orobica    Preghiera del mulo

 

Alpini sezione di Dervio

 

Il gruppo di Dervio si è costituito nel 1927 inizialmente con circa 40 soci. Primo Capogruppo fu il Capitano Guido Vitali, coadiuvato dal Tenente Silvio Della Torre, dal Sergente Carlo Cariboni e dal Caporal Maggiore Lino Venini.

Quale segno di stima ed affetto fraterno, il gagliardetto fu offerto al Gruppo dalla popolazione.

La cerimonia si svolse il 31 Luglio 1927 e vi parteciparono numerosissime persone provenienti anche dalla Val Varrone.

Al Gruppo di Dervio si aggiunsero anche gli Alpini della Valle così che la nuova famiglia divenne imponente per numero, per fraternità di spiriti e per sentimento patriottico.

Attualmente Dervio fa parte della Sezione di Colico che ha come Presidente l'Alpino Luigi Bernardi con sede: Via S.Vitali, 30 - 23823 Colico (LC) fax 0341/940768

La Sezione di Colico comprende anche:

 

BUGIALLO - CATASCO - COLICO - CONSIGLIO RUMO - CREMIA - DERVIO - DOMASO - DORIO -DOSSO DEL LIRO - GERA LARIO - INTROZZO - LIVO - MONTEMEZZO - MUSSO - PEGLIO - PIANELLO D.LARIO - S.AGATA - SORICO - TREMENICO - TREZZONE - VERCANA - VESTRENO

 

Nascita egli Alpini

 

Gli alpini conosciuti dalla maggior parte di noi, nascono, ufficialmente, con Regio Decreto n. 1056 del 15 ottobre 1872, anche se le prime 15 compagnie alpine vennero effettivamente costituite nel marzo dell'anno successivo. Ma le origini di questo corpo militare di soldati specializzati ad operare in terreni montagnosi, ha origini ben più antiche. Già 18 secoli prima si trovano documenti che provano l'esistenza di tre Legio Alpine tra le fila dell' esercito Romano.
Ma torniamo ai giorni nostri, per così dire.
Grazie all'interessamento del capitano di Stato Maggiore GIUSEPPE DOMENICO PERUCCHETTI e grazie all'intervento dell'allora Ministro della Guerra generale RICOTTI, si aumentarono a 62 il numero dei Distretti Militari ed all'interno di alcuni di essi si inserirono le neonate compagnie alpine.
Il capitano PERUCCHETTI, interessatosi dei problemi delle frontiere montane italiane, aveva compreso l'importanza di costituire, all'interno dell'Regio Esercito, un nerbo di truppe specializzate e territoriali, che erano così intimamente legate al territorio, da poter operare con grande sicurezza e determinazione.

 

Ed ecco al 1° Aprile 1875 i sette battaglioni alpini con i loro numeri:

CUNEO

MONDOVI'

TORINO (SUSA)

TORINO(CHIVASSO)
COMO

TREVISO

UDINE